Non solo moda e cibo:
Specializzazione settoriale
nei macchinari

Alle sfide della globalizzazione l’Italia ha risposto negli anni con una sempre crescente attenzione alla qualità dei prodotti e dei processi.

La meccanica - il settore più importante per surplus commerciale con l'estero - ed i beni intermedi risultano le specializzazioni della manifattura che da trent’anni continuano a caratterizzare la struttura produttiva italiana, e che insieme contribuiscono ad oltre la metà della quota di fatturato della nostra manifattura.

Rimane la buona performance nei settori tradizionali del Made in Italy, grazie alla riconversione verso segmenti a maggiore valore aggiunto quali tessile-abbigliamento, calzature, mobili, nautica, mentre cresce la quota di fatturato proveniente dal settore dell’alta tecnologia.